Cultura vs. Discriminazioni

Demain est à nous (seconda parte)

A cura di Nicole Pastore

 

Le storie narrate da Gilles de Maistre nel film Demain est à nous non sono terminate, anzi altre ancora meriterebbero di essere diffuse e prese come esempio. Ci sono nomi come Heena, Kevin, Jocelyn, Peter e Khloe, oltre ai già conosciuti José, Arthur e Aïssatou, che grazie a questo splendido documentario sono state rese note in un lavoro toccante e stimolante.

Heena

A Nuova Delhi una ragazzina di undici anni di nome Heena è una piccola reporter del giornale Balaknama, che significa “voce dei bambini”. Si tratta di un giornale redatto da ragazzini che vivono e lavorano per le strade della città, dove il lavoro minorile è nella norma, a causa della povertà delle famiglie e delle condizioni di vita della maggior parte degli abitanti.

Il gruppo di cui fa parte Heena si occupa di tutte le tappe del giornale in modo sorprendentemente professionale, dalla scrittura alla distribuzione. A uscita mensile, i ragazzi di Balaknama raccontano nelle loro pagine di tutti i problemi che incontrano, ma anche delle speranze, che non mancano mai, di migliorare le loro vite, delle buone azioni a cui assistono, con profonde riflessioni e un visibile gran lavoro. Si riuniscono per discutere delle tematiche da trattare, si dividono i compiti con un bel lavoro di squadra, ma la loro attività non termina qui: Heena ha deciso di organizzare anche delle lezioni per i numerosissimi bambini analfabeti ai quali insegna nel suo piccolo a leggere e scrivere in attesa di un suo futuro da insegnante o da grande reporter.

Kevin, Jocelyn e Peter

Hanno dieci, dodici e tredici anni e vivono in Bolivia, paese di undici milioni di abitanti dove un milione di bambini ha un lavoro. 

La Convenzione internazionale dei diritti dell’infanzia protegge i bambini dallo sfruttamento economico, vale a dire dal lavoro a rischio e che compromette lo sviluppo fisico e mentale e, più in particolare, vieta qualsiasi forma di sfruttamento sessuale. Circa 152 milioni di bambini in tutto il mondo sono privati della loro infanzia perché coinvolti del lavoro minorile e 115 milioni di loro sono coinvolti in attività pericolose.”

Kevin aiuta i suoi genitori confezionando abiti, unica attività che permetta loro di acquistare del cibo per la famiglia; Jocelyn vende delle caramelle per strada per riuscire a portare a casa pochi spiccioli al giorno; Peter, invece, lavora in miniera con suo padre.

Conoscono perfettamente la situazione in cui vivono, nella loro cultura il lavoro minorile è tradizionalmente accettato, ma questi tre ragazzini chiedono, tramite un sindacato, di avere più diritti: trattati con rispetto, pagati coscientemente, non sfruttati, e ugualmente chiedono di poter andare a scuola.

Khloe

Abita a Los Angeles e si occupa di preparare e distribuire borse contenenti prodotti per l’igiene e di prima necessità destinate ai senzatetto, per ridare loro dignità e speranza. A Los Angeles c’è un senzatetto ogni centocinque abitanti, un numero che testimonia una particolare emergenza, e Khloe se n’è resa conto: la vediamo per le strade a consegnare in prima persona i sacchetti e conversare con le persone che ormai la conoscono e la ringraziano quotidianamente.

Nel film vi sono anche degli scorci di altre storie, che fanno ben sperare sulla quantità di iniziative in tutto il mondo guidate da piccoli attivisti: dai sopravvissuti di Parkland (dove nel 2018 vennero uccise da un ex studente diciassette persone, di cui quattordici adolescenti) Cameron, Jaclyn, David, Emma e Alex, che hanno fondato il movimento #Enough per il controllo delle armi, fino al movimento Plant for the Planet del 2017 di Felix, che aveva solo 9 anni; da Ryan che nel 2000 inaugurò un pozzo in Uganda dopo aver lottato per l’acqua pulita nei paesi in via di sviluppo, a Hunter, sudafricano di undici anni che cerca di salvare i rinoceronti dai bracconieri…

Come loro, molti altri, pronti a salvare il mondo con le loro piccole e forti mani.

Per saperne di più sui progetti dei giovani presentati:

bancodelestudiante.wixsite.com

facebook.com

facebook.com

balaknama

resourcecentre.savethechildren.net

khloekares.com

 

FONTI:

Visione del film Demain est à nous

espace-1789.com

CREDITS:

Copertina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *